Come effettuare la disdetta Tiscali

Tiscali è stata la prima società in Italia a lanciare le chiamate gratuite attraverso il mezzo internet (VOIP); ma è anche stata la prima azienda italiana a possedere una rete in fibra ottica propria, in grado di attraversare tutto il Continente.

Fondata nel 1998 da Renato Soru, lanciata in Borsa già dall’anno successivo, oggi, la società fornisce anche un servizio di banda larga ADSL e di telefonia mobile, per circa 700mila clienti.

Come succede per altre compagnie, il rinnovo del contratto con l’azienda cagliaritana è di tipo tacito e annuale; se non si vuole incappare in pene pecuniarie relative al mancato pagamento dei servizi internet e voce, è necessario inviare una disdetta a Tiscali.

Per passare ad un altro operatore, basta il codice di migrazione

La disdetta Tiscali può essere effettuata secondo due modalità, tutto dipende se si è interessati a migrare da un operatore ad un altro o se invece, per il momento, si è decisi solo a concludere il contratto con la società.

Nel caso in cui il cliente sia interessato a cambiare operatore, basterà infatti munirsi di codice di migrazione, ovvero un numero posto nell’ultima pagina della bolletta Tiscali, da inviare al nuovo operatore per permettergli di mettere in moto tutte le procedure necessarie al nuovo allaccio telefonico.

In questi 30 giorni di attesa per la nuova linea, sarà Tiscali a occuparsi della disattivazione di tutti i servizi collegati al proprio contratto; ci vorrà all’incirca un mese di tempo, nel quale il cliente dovrà comunque continuare a pagare la società per i giorni di utilizzo.

La disdetta Tiscali comporta anche dei costi di disattivazione

La comunicazione dovrà avvenire tramite raccomandata A/R, entro 30 giorni dalla scadenza del contratto; inoltre l’utente dovrà impegnarsi a pagare i costi di disattivazione, che ammontano a 43,36 euro nel caso si voglia disabilitare una linea ADSL e a 33,27 euro nel caso di disattivazione della linea voce.

Nell’eventualità in cui si sia in possesso anche di un telefono cordless, del modem e di altre apparecchiature di proprietà dell’azienda, Tiscali richiede che vengano restituite tramite corriere al magazzino SDA di Cagliari; in caso di mancata riconsegna, la società si riserva il diritto di far pagare una penale pari a 20 euro per chi possegga i dispositivi da più di due anni, di 40 euro per chi ne abbia usufruito per meno di due anni, e di 60 euro per coloro i quali abbiano sottoscritto un contratto Tiscali da meno di un anno.

disdetta Tiscali
Che cosa succede in caso di disattivazione

Per la disdetta Tiscali completa dai servizi ADSL, basterà scaricare il modulo presente sul sito della società e inviarlo a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, così da richiederne l’immediata cessazione.

Nell’arco di 30 giorni, la compagnia provvederà a disdire il contratto, dietro il pagamento di una somma dipendente dal ‘codice tecnologia’ del cliente, ovvero le ultime tre cifre del codice migrazione, presente sulla bolletta; il costo di cessazione varia dagli 81,07 euro ai 90,75 IVA inclusa ma Tiscali consente di richiedere un preventivo online sulla base dei costi richiesti, al fine di aiutare i propri clienti a valutare al meglio tutte le opzioni di disattivazione.



About Staff